Home
  1. Storie Piccanti
  2.  
  3. La puttana di via Reggimento

La puttana di via Reggimento

La puttana di via Reggimento. La Regina dei cazzi importanti di città, l'amante lesbo e l'uomo a cui non sa dire di no.

La puttana di via Reggimento
Foto: pixabay.com .

La puttana di via Reggimento

 

'Dai, sborrami sulle tette. Dai!'

'Sì, sì! Vengo. Sì!'

'Sborra. Sì. Sborrami sulle tettone.'

'AAH! AAH! Vengo!'

Gli sborra proprio sulle punte delle tette. Spruzza forte e avverte il sibilo dello spruzzo di sperma uscire dal cazzo.

Lui è tutto concentrato sulla masturbazione del cazzo arrapato.

Lei allunga una mano per accarezzargli le palle e farlo sborrare ancora di più.

E come contenersi davanti a due tette così grosse e sode. Spruzza un po' su di un capezzolo e un po' sull'altro. Felice, appagato, gaudente, soddisfatto, maiale, orgoglioso.

'Oooh! Che sborrata meravigliosa. Non potevo più contenermi.'

'Non devi mai contenerti quando sei con me.' Risponde lei, portando una tetta alla bocca per leccare lo sperma caldo. Le ha così grosse che ci arriva senza problemi. La sborra profumata di lui la eccita. Ora si farebbe proprio inculare a dovere. Peccato il cazzo del cliente cinquantenne si stia afflosciando sotto i suoi occhi vogliosi.

Il cliente si accascia esausto sul letto, sprofondando nel materasso con la grossa pancia a fare da peso.

La puttana di via Reggimento, così è nota nella cerchia dei suoi affezionati clienti, deve faticare non poco per evitare che si addormenti lì. Tra poco più di mezz'ora arriva un altro cliente.

Spintone dopo spintone il grosso cinquantenne si decide ad alzarsi. Indossa gli abiti eleganti e toglie il disturbo, lasciando il dovuto sul tavolino in legno lavorato a mano. Quel tavolino è il regalo di un cliente innamorato; collocato all'ingresso della camera degli appuntamenti è diventato la cassa dei servizi sessuali prestati.

'Ciao tesoro, grazie.' Ringrazia sempre i clienti dopo il pagamento.

Lui le manda un bacio a distanza prima di chiudere la porta di casa e ritornare alla vita di città.

Ogni cliente come fosse il primo della giornata

La puttana di via Reggimento s'infila nella doccia per togliersi lo sperma dalle tette e il sapore di lui di dosso. Quando accoglie un nuovo cliente vuole che abbia l'impressione di essere il primo della giornata. Al maschio piace essere il primo, si arrapa ancora di più.

L'arma segreta del suo successo come puttana è stata questa. Essere capace di far arrapare i suoi clienti come le loro donne non fanno. Essere la loro amante esclusiva per un'ora. Dimostrare a ciascuno quanto gli piace e dargli tutto. Farli sentire unici. Una attrice del sesso straordinaria. Una sera uno dei suoi clienti, un attore di teatro, le chiese di fare alcuni provini per entrare in una compagnia teatrale. La sua risposta fece ridere l'attore a crepa pelle.

'Antò, le compagnie teatrali possono entrare dentro di me, ma io non ci posso entrà.' Rispose lei con un accento romanesco non suo.

La vita sociale della puttana di via Reggimento

Il prossimo è uno giovane. Più piccolo di lei. Ha 32 anni. Lei sa perché torna puntuale ogni quindici giorni. La moglie è una sua amica. Sembra strano? Anche le puttane di professione hanno una vita oltre il letto del sesso a pagamento.

Lui abita nel quartiere limitrofo. Sua moglie l'aveva conosciuta al supermercato, come capita spesso tra casalinghe che fanno la spesa. Incontro dopo incontro sono diventate amiche.

Come coppia non hanno mai avuto problemi ad aprirsi con chiunque. La puttana di via Reggimento più volte è stata ospite a cena e si è sentita bene come mai prima. Nella moglie trovava qualcosa che l'attraeva particolarmente...

Una solida amicizia di sesso a tre

Un pomeriggio lui è rincasato prima ed entrando, sull'uscio di casa, ha sentito sua moglie ansimare di vivo piacere come con lui non accadeva da tempo. Il sangue gli si è gelato per un istante nelle vene per poi sciogliersi in una vampata di fuoco rabbioso. Ha aperto l'armadietto dove custodisce sotto chiave le spade arabe ed e corso in camera da letto...

Non poteva credere ai suoi occhi. La moglie sfregava la vagina contro quella della puttana di via Reggimento. Le gambe aggrovigliate, i busti reclinati indietro, le fighe rasate si baciavano arrossate dalla passione.

Le due donne, spaventate dall'irruzione improvvisa, hanno gridato. Lui ha nascosto la spada dietro di sé ed è diventato rosso. Voleva quasi scusarsi della sua presenza, di quella scimitarra affilata e tagliente tenuta nel pugno destro. Aveva pensato che la moglie... E invece non era come pensava. Alla puttana, a furia di prendere cazzi, era venuta voglia di sesso lesbo. La moglie, segretamente, desiderava provare il sesso lesbo da molti anni.

A lui quasi gli è venuto duro. Poi gli è venuto durissimo quando la moglie, sorridendo maliziosa e mordendosi le labbra, in ginocchio sul letto si è avvicinata alla patta del marito. Ha aperto e infilato la mano. Ha dato qualche colpo e poi tirato fuori il cazzo del consorte: davvero impressionante, anche per una puttana di professione.

'Dio quanto è lungo...' Ha osservato a bocca aperta e con occhi sgranati.

'Bello il cazzo di mio marito vero? Vieni qui amore: divertiamoci in tre.' Ha continuato la donna rivolgendosi al marito.

Fu così che scopò la puttana di via Reggimento la prima volta, sotto gli occhi bagnati di eccitazione della moglie.

Gli sborrò sulle chiappe sfilando via il profilattico giusto in tempo. La moglie gli prese il cazzo in mano e lo masturbò dirigendolo su tutto il culo della puttana per ricoprirlo. Masturbò il cazzo del marito fino allo sfinimento.

Avrebbe dovuto essere un pomeriggio di riposo per la puttana. Fu invece l'inizio di una solida amicizia di sesso a tre.

*****

Quando la moglie morì alcuni mesi dopo in un incidente stradale, fu uno shock anche per lei. Aveva perso più di una amica e compagna di giochi erotici: aveva perso la sua amante.

Il sesso della consolazione

E lui ora si consola andando da lei. Come sempre ogni quindici giorni, mantenendo la tradizione instaurata quando c'era anche la moglie. Solo cambiava il luogo, gli incontri avvenivano sempre a casa loro prima.

Lasciarsi scopare da lui è un godimento unico. Ha un fisico atletico e muscoloso che solo a guardarlo la fa deglutire di piacere. E poi il cazzo lungo e largo come non ne ha mai visto e provato uno. Infine la durata: mai meno di 45 minuti di amplesso. Ecco perché lo inserisce sempre come ultimo appuntamento della giornata: la sfinisce. Ed anche perché hanno più tempo per il dopo, per i dialoghi intimi.

Ormai è chiaro che lui è quasi un amante per lei, seppure pagante. Paga la metà degli altri ed è l'unico che accede alla camera da letto privata. È un ospite speciale e merita un trattamento esclusivo.

Aveva quasi accettato la sua proposta. Lasciare tutto e andare a vivere con lui in una nuova casa tutta loro. Si era quasi lasciata convincere, ma... l'indipendenza economica ha vinto su tutto.

La Regina dei cazzi importanti di città

Lei in quella casa è la Regina senza Re, comanda incontrastata. Lei è la Regina dei cazzi importanti di città che vengono a trovare la sua fica e il suo culo. Li comanda tutti, come abbandonare tanto potere. Nelle sue mani ha i cazzi dei commercialisti, dei notai e degli avvocati della città. Politici e alti rappresentanti istituzionali frequentano la sua stanza degli incontri d'amore perché abita lontana dalla città e dagli occhi dei cacciatori di notizie da gossip. Anche un famoso paparazzo e un giornalista di cronaca rosa sono tra i suoi clienti più affezionati.

Tutti i cazzi del potere locale, sono in mano sua e li governa come vuole. Li fa ululare di piacere fino allo sfinimento. La puttana di via Reggimento ha un esercito di potenti colletti bianchi nelle sue mani.

L'uomo a cui non sa dire di no

'Ciao. Come stai?'

'Bene ora.'

I baci e le carezze di lei sono come medicina per lui.

'Ti ho portato dei dolci. Sono i tuoi preferiti.'

'Grazie tesoro mio. Dopo ce li mangiamo per riprendere le energie. Questa sera sono libera per te. Voglio essere tua tutta la notte.'

La abile incantatrice di cazzi questa volta dice sul serio. Con lui è tutto vero, anche quando gode.

Entrano subito nella camera da letto privata. Ci arrivano baciandosi e per metà nudi. Nel corridoio hanno ruzzolato lungo le pareti, hanno rimbalzato da una parte all'altra come due palline in un flipper a tema erotico.

Lei lo morde ansiosa di essere penetrata dal lungo cazzo che arriverà dove mai nessuno è capace di arrivare.

'Aah!'

Già stringe le lenzuola e si aggrappa a lui come ad una scogliera sferzata violentemente dalle onde del mare in tempesta. Dentro di lei s'infrangono mareggiate eccitate: una tempesta di sesso rara. Il cazzo penetra focoso, le dilata la vagina. Le manca l'aria. Come lui nessuno.

Il letto batte forte contro il muro. La mette a pecora schiacciandola con le braccia muscolose al materasso. Un po' lo mette nel culo, un altro po' lo infila nella figa rasata.

'Ah! Fammi tutto! Tutto! Oh! Ah!'

Stringendo i denti per il godimento e in silenzio come al solito, la scopa vorace.

Anche con la moglie era così. Lei lo sa. Durante uno dei loro pomeriggi di sesso a tre, chiese di fare semplicemente la guardona.

'Oggi faccio la guardona. Voi scopate come moglie e marito e io vi guardo fottere.'

Fu bellissimo vederlo scopare. Vedere come la sua amante godeva dei 20 centimetri e mezzo di cazzo naturale. Si toccava i capezzoli delle tette mentre la coppia di sposi scopava sul talamo nuziale. Come ansimavano. Come gridavano guardandosi negli occhi. Il letto saltava in cielo sotto le sue spinte. Al culmine... Silenzio. Dopo averle sborrato dentro gridando tutto l'appagamento, la quiete dei sensi. Solo il respiro affannoso arrivava alle sue orecchie.

Ed ora che è con lui, tutte le volte che fa sesso prova sulla sua pelle quelle stesse sensazioni che aveva percepito nell'amplesso tra l'amante e il marito quella volta. Ecco perché gli dice sempre di sì, per vivere e rivivere in prima persona le sensazioni di quell'amplesso. È un po' come se lei fosse sempre lì con loro a comporre il trio del sesso. Come non fosse mai andata via per sempre.

'Oh! Ah! Ah!'

'Sì. Sì. Vieni caro. Vieni! Non contenerti! Rendimi felice!' E gli morde una spalla.

'Oooh! Ooh! Ooh! Oooh!'

Il letto vibra tutto, lo spirito della passione e del sesso entra in loro e li fa esplodere di luminoso piacere sessuale. Lui viene copioso, sferzando senza pietà la vagina che ha amato sua moglie. La sferza a più non posso.

Dentro. Dentro. Dentro.

Gode. Gode. Gode.

E con lui gode lei. L'unico amplesso ogni quindi giorni in cui davvero gode, senza finzioni. Con lui non è l'attrice mancata per aver detto no alla richiesta di sesso del produttore a 19 anni. Con lui non è la puttana di via Reggimento. Con lui è semplicemente ... e basta.

arrow up

Storie Piccanti Recenti

I due divorziati scopano ancora appassionatamente    ♠ Ho fatto sesso con mia cugina diciassettenne    ♠ La giovane casalinga tettona scopata sul pianerottolo di casa    ♠ La moglie tettona di Alfio chiavata da 3 amici operai single    ♠ Due divorziati scopano con la sorella di lei    ♠ Galoppami sul cazzo. Fantasia erotica di un uomo arrapato