Home
  1. Piccanti Orge
  2.  
  3. Gli Europei del Cazzo

Gli Europei del Cazzo

12 amici d'altrettante nazioni europee accettano l'invito e partecipano alla gara di sesso: Gli Europei del Cazzo. Un'orgia indimenticabile.

Orgia a bordo piscina
Foto: allnylongirls.com.

Arielle ama organizzare feste di sesso in notturna, possiamo considerarla una sua specialità. Organizzatrice ci è nata ed è diventato il suo mestiere, ma organizzare orge è l'evento che realizza meglio.

Parigina doc, durante gli Europei ha deciso di rifugiarsi nella villa in collina e di vedere da lì le partite di calcio degli UEFA Euro 2016. Tifa per la Francia ovviamente ed ha molti amici in giro per il mondo, conosciuti grazie al lavoro come organizzatrice di eventi. Alcuni di questi amici l'hanno chiamata in questi giorni, saranno in Francia per seguire da vicino la nazionale del cuore e vorrebbero tutti incontrarla. Arielle è bella e poi sanno che lei organizza orge, quindi... Non aspettano che un suo invito.

L'idea

Arielle pensa e ripensa sdraiata in giardino a pochi metri dalla piscina con angolo idromassaggio.

"Ci sono!" Esclama ad alta voce, nella quiete pomeridiana delle colline francesi.

"Organizzo una serata internazionale. Un'orgia di cazzi provenienti da tutta Europa, inviterò tutte le mie amiche francesi e la chiamerò...: Gli Europei del Cazzo!"

Arielle prende lo smartphone dal tavolino e crea subito un gruppo su WhatsApp; ci mette dentro tutti gli amici che sono venuti in Francia per vedere le partite e le amiche francesi più belle. Dovrà essere una notte memorabile, da far vibrare di eccitazione l'intera collina, tutti i vigneti. Quest'anno lo champagne si stapperà direttamente tra i filari d'uva, ancora in maturazione sui tralci.

La risposta è unanime: "Vengo!"

Gli Europei del Cazzo sono ufficiali, sessione unica prevista tra tre giorni. Non ci sono preliminari e gironi ma un'unica finalissima a 12, tanti quanti sono gli amici che hanno aderito all'orgia internazionale.

I partecipanti

Ecco gli amici partecipanti, ciascuno in rappresentanza d'una nazione diversa e in ordine sparso: Francia, Russia, Germania, Italia, Inghilterra, Belgio, Islanda, Spagna, Portogallo, Austria, Svizzera, Slovenia.

Non sono ammesse riserve. Gli altri, se vorranno partecipare, potranno farlo come spettatori, al massimo gli è concesso di trastullarsi durante lo spettacolo, ma senza lasciare sbobba da tutte le parti.

12 le amiche di Arielle che sperimenteranno il cazzo straniero, nella grande notte di sesso. Sono tutte francesi originali e molto belle, così sarà più difficile per i maschietti trattenere la passione. Se sono veri uomini lo dovranno dimostrare sul campo, anzi, a bordo piscina.

Le regole

Semplice. Vince chi dura di più, ecco perché 12 belle ragazze formose: bionde, brune e more. L'assegnazione della ragazza avverrà per estrazione prima della gara di sesso.

Le ragazze si concederanno a pecorina sulle sedie sdraio, è concesso scoparsi la figa e il buco del culo. I concorrenti sono liberi di variare orifizio durante la competizione.

Le ragazze non potranno incitare il maschio per evitare di favorire l'eiaculazione precoce, ma potranno godere liberamente del cazzo che penetrerà le loro intimità preziose.

Il campo di gara

La gara si svolgerà presso la villa in collina lontana da Parigi, a bordo piscina.

Premio speciale

Premio speciale a chi emetterà più crema chantilly degli altri.

Tutto pronto per la gara

Atmosfera elettrizzante si respira al tramonto. Dal giardino Arielle vede il sole calare sulla notte di sesso, una notte speciale. La notte in cui si deciderà quale nazione europea dura di più a letto.

Gli speciali campionati europei usciti dalla sua immaginazione sono realtà. Le 12 sdraio sono perfettamente allineate in giardino a 2 metri di distanza l'una dall'altra; abbracciano la piscina, pronta ad accogliere le urla di giubilo di questa notte. Non la prima e neanche l'ultima, Arielle ha sempre nuove idee per orge da fine del mondo.

Arielle ama organizzare orge miste indimenticabili: donne con donne, uomini con uomini, lesbiche che si convertono etero per una notte, uomini che sperimentano la vagina per la prima volta in vita loro, dopo avere sempre amato solo il cazzo.

I primi ad arrivare sono gli amici, gasati ed arrapati, non vedono l'ora di mettere il cazzo nelle vagine francesi. Arielle li accoglie uno ad uno e li fa accomodare in giardino. L'aria è fresca al punto giusto. I maschietti europei vedono il campo di gara pronto per loro. A qualcuno si irrigidisce nel boxer giusto qualche secondo, immagina già quello che avverrà tra poco. Uno di loro mette la mano in tasca per toccarselo.

Sono impazienti e Arielle tira un sospiro di sollievo quando suonano il campanello. Si sentiva accerchiata e temeva di essere scopata da tutti e 12 in contemporanea.

L'attesa è finita. Sono le 12 ragazze amiche di Arielle. Con loro delle coppie curiose di assistere e di fare sesso di coppia a margine della competizione.

I ragazzi si ammassano uno sull'altro per vedere le bellezze che dovranno montare. L'eccitazione sale e anche i cazzi si alzano. Sorridono e salutano.

Arielle li manda a prepararsi. Tra loro commentano in francese le belle gnocche appena incontrate. Impossibile preferirne una sulle altre, davvero tutte molto belle. Quando sono nudi e con il cazzo all'aria, tornano in giardino. Ad attenderli ci sono le ragazze francesi nude e gli spettatori.

Un applauso per loro quando ritornano in giardino, al quale rispondono con un rumoroso applauso rivolto alle femmine francesi.

Arielle dà ufficialmente il via alla competizione. Ci sono tre bussolotti davanti all'organizzatrice di orge: uno per le ragazze, uno per i ragazzi e il terzo per l'assegnazione del posto. Una gara per essere imparziale e seria deve avere delle regole precise e meticolose.

Estratte le coppie e assegnati i posti in modo imparziale, le prime a prendere posto sono le ragazze. Sfilano a bordo vasca e restano in piedi davanti le sedie sdraio. I ragazzi le guardano arrapati, i cazzi si irrigidiscono ancora di più. Per qualcuno diventa difficile non toccarsi.

È il loro turno. Si dispongono dietro le ragazze ancora in piedi, ciascuno si guarda la sua. Una radiografia da capo a piedi mentre si presentano scambiandosi il nome: un modo per rompere il ghiaccio e sciogliere l'imbarazzo per qualcun altro.

Così, a breve, senza mai essersi visti prima, le ragazze si prenderanno il cazzo degli amici di Arielle dentro. Cosa ci può essere di più esaltante per una serata di orgia con i fiocchi!?

Arielle chiede alle ragazze di inginocchiarsi sulle sdraio. Non sono delle vere sdraio, piuttosto delle poltronne sagomate, adatte perché una donna si possa stendere su di essa a pecorina.

Gli Europei del cazzo hanno inizio

Le ragazze eccitate e sorridenti si mettono in posizione. Si girano e guardano prima il partner negli occhi e poi il cazzo. Qualcuna guarda solo il cazzo e sente la vagina bagnarsi tutta.

I maschi sono concentrati sul culo che hanno davanti e attendono solo il fischio d'inizio. Come in una vera gara di calcio, Arielle si è procurata un fischietto da un amico arbitro.

"In posizione!" Grida Arielle.

Gli uomini si avvicinano ai culi e li prendono tra le mani: qualcuno li accarezza tra i sorrisi di approvazione della ragazza.

Fischio d'inizio! Partono gli Europei del Cazzo sulle colline francesi, tra i vigneti di champagne.

I ragazzi prendono l'arnese in mano, allargano le chiappe e infilano. Alcuni vanno nel culo e altri nella vagina a seconda dell'ispirazione personale.

Si sente un "Ah!" corale elevarsi dalla piscina.

I maschi infilano piano perché devono durare il più possibile. Leggeri entrano nelle intimità curiose delle stupende amiche di Arielle.

Seduti in un angolo le coppie spettatrici guardano emozionate l'inizio dell'orgia e poi prendono a toccarsi a vicenda.

Arielle è l'arbitro e giudice della gara, questa notte non potrà divertirsi fino a quando non sarà terminato tutto. Ha pianificato anche il suo godimento personale, lei sarà il premio segreto per il primo classificato e per quanti saliranno sul podio.

Mugolii di piacere in collina

Urla di piacere si mescolano sulla collina fuori Parigi. 12 donne curiose del sesso e amanti del cazzo straniero, ansimano senza sosta.

"Oui! Oui! Oui! Oui!" Vanno ripetendo tutte.

Gridano in francese tutta la voglia che hanno. Si toccano le tette, vorrebbero mettersele in bocca e mangiarle. Provano a girarsi per guardare il partner a che punto è. Lo vedono mentre trattengono il culo e ci penetrano dentro. Altre lo tengono nella vagina bagnata di umori. Non è stato ammesso nessun lubrificante o crema, per evitare l'uso di sostanze ritardanti.

Partecipare alla speciale competizione, essere le protagoniste degli Europei del Cazzo, Francia 2016, le ha rese ancora più desiderose e accoglienti. Come accolgono il cazzo straniero. Come entra quello russo e quello sloveno. Come affonda il tedesco e come scivola nella vagina francese il cazzo portoghese. Il culo francese accoglie il cazzo italiano come quello spagnolo e quello inglese non dà tregua alla Bastiglia sfondata, della più giovane tra le 12.

Troppa foga in alcuni, troppa. Come l'islandese: troppo eccitato. Abituato ai climi freddi, l'aria francese, più mite, gli scalda troppo gli ormoni. Il freddo islandese gli tiene a bada i testicoli, ma ora è in Francia. Non tiene oltre. Come un geyser islandese esplode verso l'alto con un lungo getto, copioso e abbondante. Si vede che ha mangiato tante proteine in questi giorni e ha fatto il pieno di sperma. Alla fine, seppure il primo a venire, vincerà il premio della sborrata più abbondante. La butta tutta nella provetta che gli passa Arielle. Peccato, lui avrebbe voluto cospargere il culo della francese: ma questa è una gara.

Arielle mantiene la provetta e lui ci spruzza dentro tutta quella che ha. Spinge con la mano il cazzo in avanti, lo spreme come un limone fino all'ultima goccia. Poi si getta nudo in piscina con la ragazza francese.

Anche l'amico arrivato dalla Russia sembra non averne più. È al capolinea. Troppo rabbioso, troppo violento e incapace di controllarsi. Arielle a stento riesce a mantenere la provetta ferma davanti la capocchia. Lui viene poco abbondante: troppo furioso per nulla.

Stiamo davvero entrando nel vivo della gara agonistica. Alcuni maschi si guardano e si sfidano a distanza. Sembrano dirsi: "È inutile che continui, sarò io a vincere. Tu puoi anche smettere ora."

Per qualcuno non è così. Vengono nell'ordine: Austria, Svizzera e Slovenia. Le loro partner li ringraziano con tanti baci, sono stati capaci di farle venire anche due volte di seguito.

Dopo 18 minuti di sesso a bordo piscina, ecco gli agonisti del sesso rimasti in gara: Francia, Germania, Italia, Inghilterra, Belgio, Spagna e Portogallo.

I gridolii delle ragazze sono sempre più intensi e si mescolano con quelli delle coppie spettatrici che scopano in giardino.

Arielle è pronta con un'altra provetta. Il Belga sembra non farcela più. Si avvicina quando il volto si trasforma in una smorfia di godimento quasi spirituale. È accanto a lui con la provetta quando esce e, dopo un'ultima botta di mano al cazzo belga, eiacula il seme. Con l'altra mano si mantiene al deretano della ragazza, quasi la trattiene perché non le sfugga. In comune hanno la stessa lingua e ora che la gara è finita, si getterà in acqua con lei per continuare a fare sesso tutta la notte.

Dopo 21 minuti cedono in sequenza Inghilterra e Germania.

La sfida si riduce a quattro concorrenti, tutti latini e molto focosi.

Cede il portoghese. Arielle era prossima a raggiungere il francese lì accanto e a sorpresa l'amico venuto da Lisbona sborra gettando un po' di seme sulla sua mano: Arielle lo lecca dopo aver raccolto il resto. Peccato pensa Arielle, con l'amico portoghese si è divertita più volte in passato e desiderava farsi scopare anche questa sera.

Si delinea il podio. Francia, Spagna e Italia sono ancora in gara. Il francese al 23 esimo minuto non trattiene più la spinta dello sperma, gli sale tutto nell'asta è lo butta fuori. I favoriti escono dalla competizione.

In gara ci sono solo l'italiano e lo spagnolo. Una finale inattesa. Tutti pensano alla finale degli europei di calcio del 2012, quando la Spagna batté l'Italia 4 a 0.

Come finirà questa volta?

Lo spagnolo e l'italiano sono distanti tra loro, quasi sulle sponde opposte della piscina. Per un istante si guardano e poi continuano concentrati ad estasiare le esauste francesi: entrambe sono venute ben tre volte. Dopo 26 minuti i due mostrano segni di cedimento, ma si controllano e proseguono fino al 28 esimo minuto, quando sono sull'orlo dell'orgasmo. Trattengono, trattengono. Sembra voler finire al fotofinish, ma l'italiano pensa a un evento luttuoso e trattiene ancora qualche secondo il seme nelle palle; giusto il tempo necessario perché lo spagnolo venga gettando lo sperma sul culo della francese. Arielle dovrà raccoglierlo raschiando con il bordo della provetta.

L'amico italiano è esultante e spingendo forte nel culo della francese gli viene dentro festante. A sorpresa l'Italia vince gli Europei del Cazzo. Nessuno ci avrebbe mai creduto. La francese si sente bagnare tutto il culo, non ha neanche più le forze per protestare e si prende tutta la sborra italiana tra le natiche bianche e sode.

La competizione è terminata. Arielle annuncia il premio mentre si spoglia tutta e si getta tra le braccia dei primi tre.

"Sono io il vostro premio. Adesso fatemi sognare una notte europea."

La piscina si riempie di corpi assetati di sesso. Tutti sono immersi nella piscina delle orge: ragazze, concorrenti e spettatori. Arielle è tra le braccia dell'italiano, dello spagnolo e del francese. Ha due cazzi nel culo e uno in bocca, questa notte non chiuderà occhio... e non solo.

arrow up

Ti è piaciuto? Raccontami nei commenti qui sotto sensazioni, emozioni, orgasmi. Diventeranno una storia. (Privacy Assoluta).

Storie Piccanti Recenti

Lulù si eccita leggendo racconti erotici in sottoveste    ♠ Il sacerdote legato scopato dalla badante ucraina    ♠ L'amica di mia sorella mi fa un pompino in cameretta    ♠ L'elogio della masturbazione maschile    ♠ La moglie del camionista è una porno casalinga e non lo sapeva    ♠ Nella mia vagina c'è la siccità: bagnami